Ferrari Motor Ferrari Challenge News


Cerca nel sito:

[Menu dei Motori] Menu dei Motori: vent’anni di passione e tradizione!


Era il 7 novembre del 1996 quando, al Ristorante Lauro di Modena, all’epoca il celebre “ristorante dei motori”, sin dagli anni ’70 meta abituale di piloti, tecnici e dirigenti dell’ambiente motoristico della “Terra dei Motori”, ma soprattutto di clienti ed appassionati da tutto il mondo, s’inaugurava il primo “menu motoristico”, alla presenza di un nutrito gruppo di artigiani e di personaggi locali, tra cui il pilota Gigi Villoresi, il cappellano dei piloti, Don Sergio Mantovani, il famoso “Don Ruspa”, Francesco Stanguellini e l’allora Direttore Tecnico Lamborghini, Ing. Luigi Marmiroli.

Nemmeno un anno dopo, giusto in occasione del 50° anniversario della Ferrari (1997), già s’inaugurava il secondo numero, primo vero “Menu dei Motori”, con tanto di logo! Dal “Ristorante dei Motori” era naturale che nascesse il “Menu dei Motori”, da un’idea del giornalista e designer Fabrizio Ferrari e di Lauro Malavolti, il famoso ristoratore, ex cameriere alla Trattoria Cantoni di Modena (negli anni ’60, altro luogo frequentato abitualmente dai dirigenti della Maserati e dallo stesso Enzo Ferrari).
VAI AL SITO DEDICATO: VIDEO, PHOTOGALLERY E TUTTI I COMUNICATI RELATIVI ALLE ATTIVITà DI QUESTI 20 ANNI DI MdM
Da allora, la tradizione non è mai venuta meno e, nei primi dieci anni (sino al 2006: in occasione del 10° anniversario dello stesso MdM) ogni nuovo numero, annuale, era presentato durante la cena di gala d’inaugurazione; sino al 2001 sempre al Ristorante Lauro e poi, dopo che questo fu ceduto, in tutta una serie di luoghi di culto del motorismo modenese: da Villa Casinò Riva di Nonantola (2002) al Club “La Meridiana” di Formigine (2003), sino a Ristorante Vinicio di Modena (2004: in occasione del 90° Maserati).

Un periodo storico davvero “ruggente” con l’ormai tradizionale cena di gala annuale, ogni volta presenziata dai più famosi e celebrati personaggi del mondo motoristico dell’epoca: da Franco Gozzi a Sergio Scaglietti, Carlo Benzi, Giulio Alfieri, Paolo Stanzani, Tonino Lamborghini, Giotto Bizzarrini, Leonardo Fioravanti, Tom Tjaarda, Sandro Munari, Eugenio Alzati, Ermanno Cozza, Fiorenzo Fantuzzi, Vittorio Di Capua, Giorgio Venturelli, Luigi Marmiroli, Walter Ghidoni, Francesco Stanguellini, Adolfo Orsi, Carlo Maserati, Horacio Pagani, Bruce Qvale, Valentino Balboni, Nicola Materazzi, Giuseppe Greco, Marcello Sabbatini, Umberto Panini, Luigi Chinetti jr. e molti altri ancora.
LEGGI TUTTE LE NEWSLETTER E LA STORIA DELLE VARIE ANNATE
Non è quindi un caso se, il Menu dei Motori è divenuto negli anni un classico irrinunciabile a livello internazionale, per gli appassionati.
Quest’anno, eccezionalmente, in occasione del 20° anniversario (1996-2016), uno dei due fondatori, il Prof. Fabrizio Ferrari, ancora una volta insieme a Lauro Malavolti, hanno voluto rinverdire la tradizione, organizzando però un evento un po’ riservato, unicamente ad invito, al Ristorante Vinicio di Modena, il prossimo venerdì sera 23 settembre, come momento particolare, non casualmente la sera prima dell’apertura di Motor Gallery, altra tradizione della “Terra dei Motori” che si sta affermando a livello internazionale. Come dire: beneaugurante no?
Anche in questo caso, ai vari personaggi noti, si unirà la schiera degli artigiani, consulenti e restauratori, che da sempre costituiscono la “spina dorsale” dello stesso Menu dei Motori. Nell’occasione, Fabrizio Ferrari e Lauro Malavolti, premieranno i “Fedelissimi” ed i “Sostenitori” del Menu dei Motori mentre, prima della cena di gala, sarà organizzato un dibattito, a cura di Fabrizio Ferrari e dell’Ing. Luigi Marmiroli, dove i vari personaggi presenti, si alterneranno a discutere di questi vent’anni e soprattutto di quelli che saranno gli sviluppi futuri.

Per maggiori informazioni e prenotazioni:

Ristorante Vinicio Modena: Tel. 059.280313 email: info@ristorantevinicio.it

[Ferrari F1] SF16-H TOCCA A TE!

Ecco la monoposto per il Mondiale F1

Maranello, 19 febbraio – Muso corto, retrotreno snello ed un’accattivante livrea rosso-bianca: così si presenta al mondo la SF16-H. Una sigla che richiama la propulsione ibrida (Hybrid) giunta ormai alla terza stagione nel Campionato del Mondo di Formula 1.

[Ferrari F1] Gran Premio di Abu Dhabi – Un’occasione in più

La Scuderia decisa a sfruttare le caratteristiche della pista

Maranello, 24 novembre – Il campionato di Formula Uno sta per concludersi e ad Abu Dhabi si disputerà l’ultima gara di questa stagione. Alberto Antonini, capo ufficio stampa della Scuderia Ferrari, anticipa a ferrari.com quali siano le sensazioni della squadra alla vigilia di questo appuntamento. “Andiamo ad Abu Dhabi con la volontà di cercare il miglior risultato possibile, considerato che durante la stagione ci siamo voluti prendere dei rischi e abbiamo fatto passi avanti. Anche se entrambi i titoli sono già stati assegnati faremo il possibile per cercare di fare felici i nostri tifosi. Sulla carta sia la scelta di mescole per le gomme che le caratteristiche del tracciato non ci sono avverse, ma sappiamo che non sarà semplice, vista la forza dei nostri avversari. Ci sono rettilinei molto lunghi ed un ultimo settore che è particolarmente tortuoso e privilegia la trazione meccanica. Il bilancio stagionale verrà stilato dopo l’ultima gara, perché per noi la competizione non è ancora terminata, ma di certo possiamo già dire che abbiamo avuto molte soddisfazioni quest’anno rispetto alle aspettative iniziali. Abbiamo all’attivo tre vittorie, il record di podi stagionali al primo anno con la nostra squadra per Sebastian e Kimi ancora il lotta per il quarto posto iridato. Inutile dire che siamo comunque già proiettati al prossimo anno.”

[Ferrari F1] Gran Premio del Brasile – Podio per Vettel, Raikkonen quarto

Seb conquista il suo tredicesimo podio della stagione davanti a Kimi.

San Paolo, 15 novembre – Una gara all’insegna della stabilità ha visto le due Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen conquistare punti importanti per le classifiche di campionato. Le due SF15-T hanno confermato le posizioni occupate sulla griglia di partenza, dal via fino alla bandiera a scacchi. Vettel, grazie al terzo posto conquistato ad Interlagos, è salito a ben tredici piazzamenti sul podio nelle diciotto prove disputate. Per Raikkonen la quarta piazza di oggi è un risultato che arriva dopo due sfortunate battute d’arresto. La corsa è stata vinta dalla Mercedes di Nico Rosberg.

[Ferrari F1] GP del Brasile – Penultima tappa del campionato

Kimi: “Divertente da guidare”

Maranello, 10 novembre – La Formula Uno vola in Sudamerica per la penultima gara del mondiale, sul circuito di Interlagos, in Brasile. Un tracciato particolare quello di San Paolo, il più corto dopo Monaco e Messico, ma non per questo meno affascinante agli occhi dei piloti. Kimi Raikkonen, dopo il fine settimana che lo ha visto protagonista delle Finali Mondiali al Mugello assieme alla Scuderia Ferrari, ne ha sicuramente un ricordo particolare, avendo conquistato il titolo piloti nel 2007 proprio in Brasile.
“Quello che più mi è rimasto in mente – racconta a ferrari.com – è la determinazione con cui la squadra realizzò l’obiettivo dichiarato della vigilia, la vittoria del campionato. Questo tracciato mi piace, anche se è molto corto, affrontato nel modo giusto è divertente da guidare. Lo scorso anno è stato messo un nuovo asfalto sulla pista ed il livello di grip era elevato, fattore che la rende sempre più piacevole per i piloti e che permette di essere più aggressivi. Anche se è un circuito breve, questo non vuol dire che la messa a punto della vettura sia semplice. Ci sono molti fattori da tenere in considerazione, non ultimo il meteo.”

[Ferrari F1] Gran Premio degli Messico – Doppio ritiro per la Scuderia

Kimi Raikkonen ha concluso la sua corsa dopo 22 giri. Vettel ritirato a venti tornate dal termine.

Città del Messico, 1 novembre – È terminato in anticipo il Gran Premio del Messico della Scuderia Ferrari. La corsa di Sebastian Vettel è diventata in salita pochi metri dopo il via. Il pilota tedesco, in seguito ad un contatto con Daniel Ricciardo alla prima curva, ha riportato la foratura del posteriore destro, ed è stato costretto a rientrare ai box per montare un set di gomme nuove. Tornato in pista, Vettel è risalito dall’ultima all’undicesima posizione, ma un testacoda nel corso del diciassettesimo giro ha complicato ulteriormente la sua gara. Nelle fasi centrali della corsa Seb ha girato ad un ritmo molto serrato, ma un errore alla curva 7 ha messo definitivamente fine alla sua gara. E’ durata solo 22 giri la gara di Kimi Raikkonen. Dopo essere scattato dalla diciannovesima posizione dello schieramento, il pilota finlandese ha rimontato entrando nella top-10. Nel corso del ventiduesimo giro Raikkonen è stato costretto al ritiro dopo un contatto con la Williams di Valtteri Bottas, nel quale ha danneggiato la sospensione posteriore sinistra. Al termine dei settantuno giri a vincere la corsa è stata la Mercedes di Nico Rosberg, davanti alla vettura gemella del compagno di squadra Lewis Hamilton.

[Ferrari F1] Gran Premio del Messico – Sfida al millimetro

Sebastian e Maurizio orologiai per una notte

Città del Messico, 29 ottobre – Una sfida all’ultimo millimetro. Questo il momento clou della serata organizzata da Hublot per presentare il Big Bang Ferrari Limited Edition Tourbillon Mexico, modello dedicato al ritorno del Gran Premio a Città del Messico. Protagonisti della singolare competizione Maurizio Arrivabene e Sebastian Vettel,  che si sono cimentati nel riassemblaggio di una lunetta, ancorata attraverso sei minuscole viti. Obiettivo della gara effettuare la delicata operazione nel minor tempo possibile, sotto la supervisione di una maestro orologiaio giunto dalla sede di Nyon. Ad avere la meglio è stato Sebastian, che ha concluso in un minuto.

[Ferrari F1] Gran Premio degli Stati Uniti – Podio di grinta per Seb

Vettel conclude al terzo posto. Raikkonen si ritira a causa di un’uscita di pista.

Austin, 25 ottobre – Al termine di una gara che lo ha visto scattare dal tredicesimo posto dello schieramento, Sebastian Vettel è riuscito a conquistare una preziosa terza posizione, che gli consente di mantenere la piazza d’onore nella classifica Mondiale. Ritirato Kimi Raikkonen, a causa delle danni riportati dalla sua monoposto dopo un’uscita di pista avvenuta nel corso del ventesimo giro. La gara è stata vinta dalla Mercedes di Lewis Hamilton, che ha fatto suo matematicamente il titolo Mondiale 2015 riservato ai piloti.

[Ferrari] La Ferrari debutta a Wall Street

Inizio per le contrattazioni del titolo RACE alla Borsa di New York

New York, 21 ottobre – Oggi, alle ore 9.30 della costa orientale, il Presidente di Ferrari Sergio Marchionne, insieme al Presidente di FCA John Elkann e i vertici della Ferrari, ha suonato la campana della Borsa di New York. E’ il segnale che tradizionalmente dà l’inizio alle contrattazioni in quella che è considerata la piazza finanziaria più importante del mondo e dove la Ferrari N.V. ha deciso di quotarsi con il ticker RACE.

[Ferrari F1] Gran Premio degli Stati Uniti – La doppia trasferta nordamericana

Le sfide di Austin

Maranello, 20 ottobre – La Scuderia Ferrari si appresta ad affrontare la doppia trasferta nordamericana, di cui il Texas sarà la prima tappa. Lorenzo Sassi, Chief Designer Power Unit, descrive a ferrari.com gli aspetti più importanti della prossima gara. “Il tracciato di Austin presenta tre aspetti interessanti: il primo è il cosiddetto power effect, cioè l’importanza della prestazione della power unit nel tempo sul giro. Effetto che su questa pista è molto alto. Il secondo aspetto riguarda la gestione dell’energia: nelle frenate, infatti, dobbiamo garantire un buon recupero energetico per sostenere la prestazione sui rettilinei. Ultimo, ma non meno importante, è il fatto che la pista presenti molti saliscendi che in alcuni tratti possono rendere critica la gestione della pressione dell’olio. Ci aspettiamo che il consumo di carburante sia meno critico che a Sochi, ma rimane comunque un parametro da monitorare, perché solo quando scenderemo in pista venerdì e sabato valuteremo la situazione reale. Per quanto riguarda i gettoni di sviluppo, ne abbiamo ancora quattro da utilizzare: abbiamo tante idee su come spenderli, per incrementare la performance in questa stagione, ma anche con un occhio al 2016.”